SCUOLA DI DANZA CLASSICA – MODERNA – CONTEMPORANEO – LATINI AMERICANI – PILATES – BIODANZA A CARPI

 


Come ammorbidire le punte nella danza

0
Posted 5 ottobre 2014 by Ecole de Ballet in Guida al Balletto

Le connotazioni estetiche nella danza sono tantissime, ma solo il “ballet blanc” permette di rendere le ballerine etereee romantiche, come se fossero mosse da alisei caldi nelle mani e nuvole tra i piedi. La grazia dei polpastrelli a volte non è sufficiente per rendere l’idea del sublime, poiché sono soprattutto le caviglie ad essere mosse dalla lievità e questo, avviene grazie alle scarpe indossate. Non è facile capire come ammorbidire le punte nella danza, perché non si tratta di semplici calzature, ma di veri e propri delicati strumenti di lavoro atti a manifestare bellezza e perciò, degni della cura più premurosa possibile.

Cominciamo con un paradosso: per curare i piedi servono le mani. La forma e il calore delle dita, permette di modellare qualsiasi cosa, basti pensare agli intagliatori di creta e agli abili scultori. Proprio per questo, anche le punte per la danza non sono esenti. Con un lieve movimento verso il basso, prendete la parte curva della punta e giocateci come se fosse del pongo di vetro: se lo stringete troppo rischiate di tagliarvi ma se lo stringete troppo poco rischiate di non spostarlo. Cercate un equilibrio con i polpastrelli e il palmo della mano, provate ogni incastro e soprattutto non siate frettolose, a volte cercare il modo più adatto per modellare le punte può richiedere anche ore, ma una volta trovato, il risultato sarà eccezionale: vi basterà roteare le mani e muovere le punte in ogni direzione.

Continuiamo con un’ovvietà solo apparentemente scontata: per curare i piedi servono i piedi. Sì, perché se le mani portano calore esterno, i piedi possono portare calore interno ed essere altrettanto efficaci. Indossate le punte per fare le scale, per camminare in casa, per stare sul divano e non lasciatele mai statiche. Muovete le dita, fate dei tendues mentre scegliete dal frigo una bibita e ogni tanto, quando passeggiate, praticate il cambio di posizioni, magari alternando le mezze punte.

C’è chi consiglia di metterle nel freezer, chi al contrario preferisce il metodo del termosifone e addirittura c’è chi usa il martello o l’alcol.  Al di là dell’efficacia o meno che possano avere questi metodi, niente può dare più soddisfazione a una ballerina nell’aver ammorbidito le proprie punte per la danza da sola e con il proprio corpo. 

Istruzioni

  • MANI: per ammorbidirle utilizzando le mani dovrete prendere con esse un’estremità(punta) e l’altra (tallone), con molta pazienza dovrete piegarle in avanti e indietro fino a quando credete sia sufficiente . inserire le scarpette , se trovate che siano ancora troppo dure potrete toglierle ed effettuare l’operazione fino a quando lo ritenete opportuno.
  • PIEDI: dovrete inserire le vostre scarpette da punta e camminarci in mezza punta,per un po.arrivati al momento della sbarra dovrete effettuare molti relevè passando dalla mezza, in modo tale da ammorbidire l’area tra la punta ed il tallone.
  • ALCOOL: con questo metodo dovrete utilizzare molta attenzione perchè l’alcool potrebbe rovinare le punte irrimediabilmente. questo metodo consiste nel far cadere pochissime gocce di questa sostanza sulla parte dove sembrano più dure, ad esempio ai lati e nella suola.
  • ACQUA/TERMOSIFONE: bagnate le vostre scarpette dove vi sembrano più dure e ammobidirle con le mani , lasciatele un po sul termosifone ed ammorbiditele manualmente normalmente.
  • MARTELLO:prima di inserirle battere lievemente sulla punta con un martello per ammorbidire la forma della punta
  • PORTA:inserire la scarpetta dalla parte del tallone nella fessura che si forma aprendo la porta , dove si trovano le cerniere , ovvero tra la porta ed il muro.una volta che la punta è dentro aprire e chiudere ripetutamente la porta.
  • VAPORE: buono ma non dovete esagerare, rischiate di deformarle e rovinarle.

Quindi, se usate i piedi e le mani, potete essere sicure non solo di ottenere lo scopo, ma potete essere anche orgogliose di voi stesse..