SCUOLA DI DANZA CLASSICA – MODERNA – CONTEMPORANEO – LATINI AMERICANI – PILATES – BIODANZA A CARPI

 


Come mantenere asciutte le scarpette da danza

0
Posted 4 ottobre 2014 by Ecole de Ballet in Guida al Balletto

Fare la ballerina non è facile!

Ci vuole una grande passione, una predisposizione non indifferente ai sacrifici, una buona resistenza negli allenamenti e non ultima una perfetta forma fisica.

Un fisico magro, asciutto e slanciato è il mezzo primario per comunicare, attraverso la danza, i propri messaggi e, in quanto tale, diciamo pure che è uno strumento non indifferente di lavoro. Ma ci sono altri strumenti di lavoro altrettanto importanti e tra essi ovviamente le scarpette, verso cui bisogna avere un’attenzione e una cura particolare perché non abbiano a creare dei problemi durante l’esecuzione di coreografie ma anche che non abbiano a deteriorarsi nel più breve tempo. E tutto ciò a causa del loro nemico più pericoloso: l’umidità.

E’ un dato di fatto che i piedi posti in una scarpetta da danza, dopo alcune ore di allenamento, tendano a sudare e anche molto. Conseguentemente l’umidità dei piedi si trasferisce alla scarpette, recando dei notevoli danni alla zona delle dita, all’interno della scarpa. Per questo motivo oltretutto le scarpette si deteriorano ancora più velocemente di quanto si voglia. Come tenerle belle asciutte? Innanzitutto prima di indossarle sarebbe opportuno non dimenticarsi di spruzzare all’ interno una polvere assorbente, tipo borotalco o amido di mais. La stessa cosa vale per la pelle dei piedi, prima d’infilare quest’ultimi nella scarpetta.

Lo polvere contribuisce ad assorbire l’umidità in eccesso e a mantenere il più possibile asciutti i piedi, durante le ore d’impegno lavorativo, evitando l’esacerbamento dello sfregamento degli stessi con le scarpette e la trasmissione di sudore alle scarpette stesse. Un modo per tentare di evitare che quest’ultime possano bagnarsi molto, durante un allenamento o le lezioni di danza, è quello di indossare dei collant. Essi offrono, senza dubbio una barriera protettiva tra le scarpette e i piedi.Attenzione però alla scelta!… Non devono essere di cotone, perché queste tenderebbero ad assorbire in maniera molto esagerata l’umidità, cosa che nel nostro caso sarebbe abbastanza deleteria non solo alla pelle stessa, ma anche e soprattutto alle scarpette.

Cerca di optare pertanto per dei collant di materiali sintetici, tipo micro fibra o poliestere.  Fai attenzione ai cosiddetti “punti caldi” della pelle. 

Essi sono dei segnali che si sta per sviluppare una bolla, una vescichetta, che potrà crearti problemi seri.  In che senso? La vescica tende ad estendere ancora di più l’umidità del piede all’interno delle scarpette.  Potrai rilevare ed accorgertene di questa situazione, osservando e toccando la parte dei piedi che si presenta molto calda e rossa.  Per sicurezza copri queste aree sospette con delle bende, delle garze o del nastro adesivo adatto allo scopo.  Al termine di una lezione di ballo, se le tue scarpette si presentano bagnate, attendi che abbiano ad asciugarsi prima di riindossarle 

Successivamente durante il percorso casa – scuola di danza non chiuderle in una borsa. E’ preferibile che tu faccia uso di sacchetti a rete. Questi sono disponibili presso la maggior parte dei negozi che vendono articoli di danza. Anzi sarebbe proprio il caso di trasportarle legandole addirittura fuori dal sacchetto per permettere di respirare e di asciugarne del tutto l’umidità. Oltremodo l’aria permetterà alle stesse di ritornare ad essere nuovamente belle rigide, cosa questa da non trascurare. Saprai benissimo l’importanza di non tenerle troppo morbide. Ti creerebbero dei problemi di sostegno nei giri che dovrai fare. Una volta a casa poni le scarpette sotto un ventilatore ad aria calda, permettendo di asciugare ancor più completamente.

Anzi, in proposito, se ti accorgi che a causa dell’umidità esse si sono ammorbidite troppo, applica un qualsiasi indurente che trovi in commercio per scarpa da punta oppure della gommalacca, all’ interno e all ’esterno, e continua a tenerle sotto il phon. La gommalacca ti aiuterà ancor di più ad assorbirne l’umidità. Se devi danzare parecchie ore al giorno, durante la settimana, ti conviene avere a disposizione più di un paio di scarpette da danza, in modo tale che ti sarà facile, in caso di bisogno, sostituirle. Certo, in tempo di crisi come quello odierno, questo può sembrare un messaggio volto ad uno sperpero di denaro, ma nel nostro caso l’ alternamento  delle scarpette darà tempo a quelle bagnate di asciugarsi a dovere.