SCUOLA DI DANZA CLASSICA – MODERNA – CONTEMPORANEO – LATINI AMERICANI – PILATES – BIODANZA A CARPI

 


Esercizi di balletto alla barra isometrica

0
Posted 5 ottobre 2014 by Ecole de Ballet in Guida al Balletto

La barra isometrica è una lunga asta di metallo o di legno semi mobile o fissata al muro, utilizzata ogni qualvolta si eseguano esercizi di danza. Ogni lezione, infatti, ha inizio con gli impegnativi allenamenti eseguiti su di essa. Lo scopo della barra è quello di riscaldare i muscoli, far acquisire il controllo del corpo, conferire forza alle gambe e favorire gli allungamenti. In sostanza il suo uso scolpisce, allunga, tonifica, rilassa e dà capacità di equilibrio, donando un portamento elegante.

Assicurati di avere

  • Una barra isometrica
  • abbigliamento da danza
  • scarpette

Per i piccoli di età gli esercizi alla sbarra iniziano con due mani appoggiate, successivamente si appoggerà la sola mano sinistra per far lavorare la parte destra del corpo, la mano destra per far lavorare il lato sinistro. Esistono una serie di preparazioni codificate conosciute con dei nomi francesi che permettono di conquistare gradualmente la padronanza sul corpo e di riscaldare i muscoli preparandoli all’ esecuzione del lavoro al centro, quindi al balletto vero e proprio.

 

Il Plié ovvero piegamento delle gambe è il più conosciuto dei movimenti alla barra. Propedeutico al salto e alla presa di equilibrio, si divide in demi plié e grand plié. In prima posizione nel demi plié le due mani sono appoggiate, il bacino e la schiena sono fermi, le ginocchia si piegano leggermente abbassandosi a metà altezza, i piedi sono disposti a 180 gradi e i talloni toccano terra; nel grand plié la flessione continua e i talloni si sollevano da terra. In seconda posizione solo una mano è appoggiata e l’altro braccio è disposto graziosamente ad arco con il pollice e l’anulare che si sfiorano e le altre dita protese all’infuori. La differenza tra mezzo e grande plié è data dalla profondità della flessione.

Dopo il plié si esegue un altro esercizio: il battement, che può essere jetè, fondue e landu, quest’ultimo con il passo strisciato.  Il peso del corpo si sposta dalle due gambe a una sola e il lavoro è concentrato sul piede e sul tallone supportati da tutta la muscolatura dell’arto inferiore.

L’altro piede viene esteso, si slancia in avanti, indietro e in fuori con eleganza per poi tornare al suo posto.  Nelrelevè l’estensione alternata delle gambe avviene con sollevamento sugli avampiedi mentre il corpo è perfettamente allineato alle spalle.  Le rond è l’esercizio che prevede un movimento circolare dell’arto libero all’indietro in fuori e all’indietro in dentro.  Le cambré consiste nella flessione del busto in avanti, all’indietro o fuori, sempre tenendo in appoggio una mano sulla barra e le gambe ferme. 

Per ottenere buoni risultati ogni serie va ripetuta decine di volte..