SCUOLA DI DANZA CLASSICA – MODERNA – CONTEMPORANEO – LATINI AMERICANI – PILATES – BIODANZA A CARPI

 


Le posizioni dei piedi nella danza classica

0
Posted 4 ottobre 2014 by Ecole de Ballet in Guida al Balletto

 

ballerina-legs-header2Fondamento della danza classica  cosí come del nostro corpo d’altronde, sono i piedi; eseguire correttamente le posizioni di base significa pertanto partire col piede giusto.

Imparare le 6 posizioni canoniche dei piedi é un ilmomento essenziale per arrivare alla precisione e fluiditá di movimento che la danza richiede.

Le posizioni di base degli arti inferiori si classificano innanzitutto in posizioni chiuse (la prima, la terza e la quinta) ed aperte (la seconda e la quarta).

Imparare ad impostarle correttamente implica riuscire ad eseguire poi una sequenza di passi in piena scioltezza.

Nella prima posizione i piedi sono allineati alle punte in modo da formare una linea retta orizzontale (un angolo complessivo di 90°); la pianta del piede -calcagno incluso- deve stare perfettamente aderente al suolo, mentre le gambe vanno tenute sempre ben tese. Le parti posteriori del calcagno sono molto ravvicinate tra loro -direi quasi attaccate. Le braccia vanno tenute in maniera tale da formare un semicerchio con le mani parallele al diaframma.

La seconda posizione è uguale alla precedente, ma le gambe sono leggermente divaricate, dunque i piedi sono nettamente distanziati rispetto alla figura precedente. Quanto alle braccia, vanno allungate verso l’esterno in modo pacato ma perfettamente allineate tra loro, cosicché l’altezza risulti di poco inferiore a quella delle spalle e le dita leggermente rivolte verso il basso.

Nella terza posizione ciascun piede deve essere posizionato in modo da formare un angolo da 45°.  I piedi devono stare uno davanti all’altro in modo tale che il tallone di quello anteriore risulti parallelo a quello della gamba posteriore. La gamba anteriore può essere sia quella destra che sinistra, a seconda delle esigenze.  In entrambi i casi gli arti vanno tenuti tesi.  In questo caso si tiene un braccio sollevato verso l’altro, seguendo una traiettoria leggermente arrotondata verso l’interno.  Il braccio sollevato si mantiene leggermente più avanti del corpo, mentre l’altro è allungato verso l’esterno come nella seconda posizione.. 

Veniamo ora alla quarta posizione. Anche in questo caso ogni piede avrà una rotazione di 45°. Come nella terza posizione i piedi si presentano uno davanti all’altro, ma la distanza è maggiore. La distanza tra l’uno e l’altro è infatti equivalente a mezzo piede. Come nella terza posizione, può stare avanti il piede destro o sinistro in relazione alle esigenze della coreografia che intendete realizzare.Arti superiori: un braccio va tenuto leggermente arrotondato verso l’alto -come nella terza posizione- e l’altro si tiene arrotondato in avanti come nella prima posizione.

Veniamo ora all’ultima posizione: la quinta. Anche qui i piedi mantengono una rotazione di 45°; le gambe si presentano però in una posizione incrociata, in maniera tale che il tallone del piede anteriore sia ravvicinato e parallelo alla punta del piede posteriore. Ovviamente anche in questo caso è importante la posizione della braccia, che vanno rivolte verso l’alto e leggermente curve verso l’interno, formando -coinvolgendo anche le dita- un semicerchio.

Inoltre l’esercizio constante consente di sviluppare quella rotazione dell’anca necessaria a garantire la libertá di movimento degli arti inferiori. Tutto ció premesso le posizioni di base dei piedi sono : prima posizione: piedi speculari coi talloni che debbono essere ben a contatto e le punte aperte in linea retta; il movimento corretto per ottenere questa posizione consiste nel far partire la rotazione a 180 gradi dei piedi dalle anche, mantenendo il bacino retroverso  (contraendo glutei ed addominali) e verificando che né caviglie né ginocchia risultino compromessi.

seconda posizione: partendo dalla prima aprire la posizione orizzontalmente, ovvero i talloni distanziati di un piede/un piede e mezzo (a seconda delle proporzioni della ballerina), mantenendo la stessa linea retta delle punte e rotazione come nella prima. terza posizione: partendo dalla prima posizione far scivolare, sempre a contatto fra loro, un piede davanti all’altro (destra o sinistra a seconda di quale piede verrá in avanti) fino a far raggiungere il tallone del piede anterioreall’arco plantare del posteriore. Controllare la rotazione dall’anca affinché i piedi siano ruotati a 180°. quarta posizione: partendo dalla quinta, far scivolare un piede in avanti rispetto all’altro distaccandoli verticalmente di un piede /uno e mezzo, fino a far corrispondere la punta del piede anteriore con il tallone del piede posteriore. Verificare che il peso del corpo sia centrato e la rotazione sempre a 180 gradi.

quinta posizione: la piú difficile, si ottiene mantenendo entrambe i piedi a contatto e chiusi, uno davanti all’altro (posizione destra o sinistra a seconda del piede avanti) in modo che il tallone del piede anteriore tocchi l’alluce del piede posteriore, sempre controllando che i due piedi siano ruotati a 180 gradi.  sesta posizione: preparatoria, nessuna rotazione in quanto i piedi debbono essere perfettamente paralleli ed a contatto.  Le posizioni di base possono essere eseguite a terra, a mezza punta “demi-pointe”, sulle punte “pointes”..