SCUOLA DI DANZA CLASSICA – MODERNA – CONTEMPORANEO – LATINI AMERICANI – PILATES – BIODANZA A CARPI

 


Le scarpe da punta Gaynor Minden

1
Posted 18 ottobre 2014 by Ecole de Ballet in Guida al Balletto

Gaynor Minden ha completamente rivoluzionato il modo di interpretare la realizzazione delle scarpe da punta. Fondata nel 1993 dall’ex ballerina Eliza Gaynor nel quartiere artistico del Chelsea a Manhattan – New York, e dal marito John Minden, la scarpa da punta GM è frutto di una ricerca durata otto anni nei quali Eliza ha dedicato la sua vita alla ricerca e sviluppo di materiali innovativi che potessero sostituire il cartone pressato e gli impasti di colla e farina vegetale sino allora utilizzati da tutti i produttori per realizzare le tradizionali scarpe da punta. Mettendo a frutto la propria esperienza nel campo lavorativo dell’azienda di famiglia ed effettuando una ricerca capillare dei materiali che garantissero il supporto necessario alla ballerina, Eliza ha brevettato a livello internazionale quella che a tutt’oggi è riconosciuta come la più grande innovazione nel mondo delle scarpe da punta: la Gaynor Minden.
Realizzata con una struttura in Poron 2000 a densità variabile, è rifinita con un prezioso raso sagomato su misura per ogni numero di scarpa, è rivestita internamente di uno strato di cotone trattato a velluto con inserti in neoprene per ammortizzare la pressione nelle zone di maggior sforzo ed è corredata del cordoncino elastico posto lateralmente: la scarpa da punta Gaynor Minden rappresenta lo state of the art delle punte a livello mondiale. I ballerini delle più importanti compagnie internazionali quali l’American Ballet Theatre (ABT), l’England’s Royal Ballet e il Kirov Ballet ad esempio, adottano da qualche tempo Gaynor Minden come scarpa da punta.
Sono stati condotti numerosi test per arrivare alla realizzazione di questo straordinario prodotto: provate su una diversa superficie e in diverse situazioni climatiche, con danzatori di strutture fisiche diverse come peso, morfologia di piede e livello tecnico, i risultati hanno dimostrato come la scarpa GM garantisca una gamma d’utilizzo molto ampia e soprattutto come abbia una durata pari a circa 10 volte quella delle scarpe tradizionali. La GM ha persino realizzato una macchina in grado di simulare 100.000 relevè: le GM superano comodamente questa prova senza che la struttura sia alterata.

I modelli più venduti che variano in base alla durezza della suola sono questi tre:

  • Gaynor Minden Supplex a consistenza suola flessibile 
  • Gaynor Minden Extraflex a consistenza suola media 
  • Gaynor Minden Hard a consistenza suola dura